venerdì 15 aprile 2011

Ma che belle generazioni

Ragazzette di 16 anni che sembrano donne di 40.
Donne di 40 anni che si vestono come ragazzette di 16 perchè pentite di aver bruciato le tappe.
Ragazzetti di 16 anni che sembrano bambini di 6.
Uomini di 40 anni che parlano e pensano come ragazzetti di 16, perchè il loro cervello è fermo a quello stadio evolutivo.
Ma che belle generazioni.

4 commenti:

Il non invitato alla festa ha detto...

Eh già: dovrebbero essere gli adulti ad educare i giovani, sennò questi ultimi potrebbero farsi prendere da atteggiamenti istintivi e dare il valore sbagliato alle cose. (Tipo: è importante il paio di scarpe da 300 € perchè va di moda ma non il rispetto altrui.).
Invece oggi sempre più adulti -perfino qualche professore- si comportano da adolescenti.
Che poi io anche da adolescente (non che ora sia vecchio: ho 21 anni) mica mi comportavo così da pirla!

liberoPensieRoberto ha detto...

HEY MA CHI TI HA INVITATO EH?!

Vabbè, questa è una piccola cazzata per rompere il ghiaccio...

Sai cosa penso?
Forse è impopolare come cosa ma.. credo che nessuno debba "educare" nessuno, ma dovremmo trasmetterci le nostre esperienze.

Magari, uno di 21 anni potrebbe benissimo trasmettere cose ad uno di 50.

Il problema è che abbiamo perso la bussola ed il rispetto, dove per rispetto intendo quel genere di umiltà tipica delle culture orientali, per esempio.

Anonimo ha detto...

e dei cinquantenni "peter pan" incalliti che viaggiano in chat a "tubare" perche' dal vero sarebbero ridicoli....che dire?

carla, 50 enne che spera di non essere colpta dalla sindrom di peter pan

liberoPensieRoberto ha detto...

ciao Carla, hai ragione a ricordare anche i peter-pan, se ne vedono anche in giro purtroppo..
Però, nonostante loro, ti dico senza retorica che una buona dose di "bambino" è bello che sia sempre presente in noi, altrimenti sai che noia?
:)