martedì 27 settembre 2011

Ribellarsi

Credo che ribellarsi sia qualcosa di più che andare in piazza, protetti dalla massa.
Credo che ribellarsi voglia dire sfidare il sistema quotidianamente, 24 ore su 24, prendere coscienza di se' e di ciò che piace o non piace, al di là della cultura imposta, al di là dei legami affettivi, al di là delle convenienze.

Credo che ribellarsi voglia dire avere il coraggio delle proprie idee, avendo la lucida consapevolezza che, in questo modo, si perdono occasioni, amicizie, familiari, lavori.

Credo che ribellarsi sia una via del non ritorno, una sottile linea rossa che quando scavalchi oramai non riesci a scavalcare una seconda volta per tornare indietro.
Credo che ribellarsi voglia dire svegliarsi con l’odore di anarchia sulla pelle, ed andare a letto a fine giornata con lo stesso identico odore.

Credo che ribellarsi sia una specie di autoesclusione, in un mondo di individui che, come detto prima, fanno massa: siano essi assuefatti oppure attivi ed informati, senza il coraggio del singolo e se riuniti in branco, allora sempre di massa si tratta.

Credo che ribellarsi sia ne' giusto ne' sbagliato, così come il non ribellarsi, ma sia solo una condizione individuale privilegiata, da non confondere con l'essere semplicemente estroversi.

Credo che ribellarsi sia la capacità di guardare negli occhi un religioso, uno psichiatra, un emerito docente, un genitore, e chiunque altro stia cercando di indottrinarti con la sua stanca ed ammuffita cultura autoreferenziale, e dirgli “Hey, vaffanculo”.

Credo che ribellarsi voglia dire ribellarsi.

martedì 20 settembre 2011

Spacco Tutto ma.. sono commosso!

Cari lettori e amici di sempre, se col debutto di Cremona ero felice, oggi non ho neanche le parole per esprimere ciò che provo.
Ho trasformato il mio spettacolo in qualcosa di più teatrale, aggiungendo anche canzoni, ed il pubblico da cui ero circondato mi ha accolto con un incredibile calore.
Credo che le parole siano superflue, vi pubblico il video e giudicate voi..
Mi spiace solo che problemi tecnici ci abbiamo fatto perdere l'ultima mezz'ora di spettacolo, in cui canto una mia canzone e parlo di bibbia ed inquisizione, in modo molto serio e drammatico.
Beh, buona visione!

giovedì 15 settembre 2011

Gli alieni che molti di noi stanno vedendo nel cielo, sono venuti per osservare e catalogare le specie animali presenti sulla Terra.
Per Buttiglione, Giovanardi, Binetti e Ravetto hanno dovuto creare una sottospecie nuova.






 
Quando leggo annunci di lavoro talmente complicati da non riuscire neanche a capirli, il mio cervello li traduce automaticamente in "stipendio basso - mobbing - contratto a tempo molto determinato".

mercoledì 7 settembre 2011

La sregolatezza viene osannata solo quando lo sregolato in questione è ben lontano dal proprio bisogno di stabilità o, meglio, sotto terra.
(D'Izzia Roberto)
(sì sì firmo prima con il cognome, non rompetemi las pelotas)

martedì 6 settembre 2011

Anna Tatangelo canta "Sensi", ed io finalmente riesco ad andare di corpo.

Beh, non credo che riuscirò a trovare parole adatte per esprimere la mia gratitudine ad Anna Tatangelo, per avermi aiutato a liberarmi da un peso che, ormai, mi opprimeva da poco più di due giorni.
La stitichezza è una roba seria, talvolta, ed è giusto fare ricorso a rimedi altrettanto seri.

Io ho visto il video della canzone "Sensi", di Anna Tatangelo.

Il video raggiunge livelli altissimi di comicità, con lei che si passa la lingua sulla bocca esattamente come faccio io dopo essermi sbrodolato col ragù..
..con l'inquadratura di un inquietante individuo praticamente immobile che la fissa come un maniaco sessuale, e in posa da Big Jim..
..con due ragazze che si muovono tenendo in mano due cartoni rotondi giganti che, credo, dovrebbero rappresentare gli occhi di un uomo, anche se sembrano più di occhi di un gufo..
..e vogliamo trascurare le espressioni da triglia che sfoggia la bella partenopea vestita da confetto?

Un'attenzione particolare, però, secondo me andrebbe al testo della canzone, perchè credo abbia del geniale.
Mi riferisco alle frasi altamente erotiche come "Qui nel letto come un sospetto cosa farò senza te?" oppure la sensualissima "Questa stanza non può trattenerti però c'è del fuoco. Questo essere noi ogni volta che vuoi dura poco...Ma ricomincia il gioco!".

Che dire, poi, dell'ermetismo a dir poco spiazzante di trovate linguistiche come "Prendimi con l'olfatto con il tatto con le tue bugie. Mangiami ma con gusto, esaudisco le tue fantasie." oppure la mitica "Te ne vai soddisfatto come un gatto senza fantasie.".. ?! 

Fra l'altro qualcuno mi deve spiegare esattamente in cosa consiste un gatto soddisfatto e senza fantasie.

Devo ammettere, però, che più del video e del testo, il pezzo forte di tutta la faccenda sono i commenti che ho trovato su youtube..
Vi voglio trascrivere i miei preferiti, perchè davvero ieri sera ho riso talmente tanto che stava per venirmi un attacco d'asma (ma davvero eh, ho pure i testimoni!):
  • "Finalmente Anna inizia ad avere uno stile internazionale degno del suo fisique du role.Bella, gnocca, e sexy: qui ricorda sia Cheryl Cole che Shania Twain... bella bella bella ... la canzone poco meno ma stile musicale finalmente rinnovato!!!";
  • "Sono contenta che tu sia così stupenda, Anna. Ci tenevo a far sapere a tutti che ho passato il mio amore per la tua musica anche a mio figlio, che ha 6 anni. Dovreste tutti sentirlo cantare "Bastardo". :) Sei un amore Anna non cambiare MAI";
  • "belle bella.....bella cagata! la kylie minogue dei poveri pre n di lo tutto il gatto dove dico io!!!";
  • "Annarèèèè quant si tost!!!!!!!!!!!!! Giggì stai chin 'e corn!!!!!! xD";
Viglio concludere, però, con il commento più bello della storia di Youtube, perchè mi ha fatto ridere così forte che mi si stavano bloccando gli addominali:

"anna tatagelooooooooooooo ti vogliamo beneeeee dalla famiglia cavallaro quando sei venuta a fare il concerto a scafati alla festa di san atonio che quando te ne stavi andando mia mamma a detto ciao annaaa saluti ciaoooo tvbb"

giovedì 1 settembre 2011

"Vostro onore, io volevo solo uccidere la zanzara che si era appoggiata sulla schiena di mio marito, e per essere sicura ho preso il coltello... "
"...37 volte ?! "
"eh, sta maledetta zanzara non stava ferma!"

Finanziaria 2011

Leggo sul giornale che il Governo sta cercando coperture per la finanziaria.
Me li vedo che cercano nelle cantine, nei sottoscala, in soffitta:
"oh ma dove cazzo sta la copertura?!!"
"boh chennesò era qua"
"vedi ad essere disordinati porco cane!"
"hai provato a vedere nella vasca da bagno?"
"no, per ora sono andato solo nel locale caldaia..."

mercoledì 31 agosto 2011


"Concediti anche tu il lusso di una vacanza da Re"

E come no?!
Io per esempio sono stato in campeggio sotto casa mia, sul'orto del mio vicino.

"Come fai a sapere se il tuo uomo ha raggiunto veramente l'orgasmo?"

Se sei anche tu lì in quel momento, te ne accorgi sicuramente, te lo garantisco.

"conosci i pensieri segreti della tua lei?"

Se sono segreti mi spieghi come faccio a conoscerli?

martedì 30 agosto 2011

LA RUMBA DEL GARIBALDI AFFAMATO

'gguanta 'na mela,
Anita agguanta 'na mela,
'gguanta 'na meeelaaa,
Anita agguanta 'na meeelaaa...

martedì 23 agosto 2011

..ed io vi dichiaro "zerbino" e "moglie" finchè la morte di lui non vi separi.
Ora lo zerbino può leccare le suole delle scarpe della sposa.

lunedì 22 agosto 2011

Piccoli piaceri senza valore

Biciclettata al paese vicino, col buio e l'aria fresca dei campi.
Il sellino nuovo molto morbidoso, la barista che ti accenna un sorrisetto, un caffè shakerato con tanto ghiaccio e, poi, il ritorno.
olè!

domenica 14 agosto 2011

Oggi Robin Hood, se fosse italiano, ruberebbe ai ricchi per pagarsi una campagna elettorale, prendere voti di gente imbecille - che di sicuro non manca -, occupare una qualche poltrona e diventare automaticamente ricco.

domenica 7 agosto 2011

Lo specchio

Ore 03:37.
Ho appena finito di scrivere questa canzone, frutto d'una serata di festa paesana.
Credo che la inserirò nel mio spettacolo, anche se ancora devo trovare l'aggancio giusto.
Nel frattempo, vi faccio leggere il testo, in assoluta anteprima.

LO SPECCHIO

In una festa di paese com’è facile
capire il senso della vita, com’è volgare,
la facce rosse, le gambe delle donne imbellettate
e un’impalpabile senso
di euforia 

ma se tu guardi quelle facce con più attenzione 
ti rendi conto che sorridere non è 
essere felici 

e d’improvviso l’euforia, come un’illusione, 
diventa solamente il vezzo 
di far ridere gli amici 

pensi che ti sei stancato e che vorresti andare,
poi ci ripensi, sei curioso, e ti fermi a guardare 
la donna triste, l’ubriaco del paese che saluta tutti,
e il prete vigile che controlla
onnipresente,

e la ragazza di vent’anni che aspetta un bambino 
che con lo sguardo cerca quel porco del marito 
i volontari che buttano la carta nel cestino 
e l’assessore che non sa parlare 
un po’ rincoglionito 

ti rendi conto che fai parte di quel gruppo 
ti senti solo, 
ti senti osservato 

guardare gli altri ti fa sentire meno vecchio, 
e ti lascia rompere 
lo specchio 

in una festa di paese com’è facile, 
sentire il gusto della vita, com’è banale 
capisci che non ci sarebbe niente da capire, 
che non c’è un senso 
da cercare, 

ma non puoi fare a meno di lasciarti trascinare 
dalla corrente, e non sai neanche nuotare 
poi senti anche un gran bisogno di sorridere 
e allora lasci i tuoi pensieri, 
e ti metti a ballare 

venerdì 5 agosto 2011

Contraddirsi sì, ma da vero figo: dentro di te, nell'intimo, devi credere profondamente ad entrambe le versioni che hai dato della stessa idea.

mercoledì 3 agosto 2011

Il tempo perso di chi non si concede


Il tempo passato a farsi desiderare, a scivolare come saponette bagnate d'orgoglio.
Il tempo impiegato pensando al modo più raffinato per dire "no".
Il tempo trattenuto con forza nella speranza che nessuno ti offra una corsa, di quelle che non riesci a riprendere fiato; una di quelle corse, che quasi quasi ti senti libero.
Tutto il tempo vissuto in una piccola sfera di vetro, che teniamo nascosta in un armadio perchè nessuno la capovolga, e scombussoli la nostra quiete con un'improvvisa nevicata.

Ecco, tutto questo è il tempo perso che non tornerà mai più, e che rimpiangeremo dannatamente quando resteremo soli, oppure ci rassegneremo ad un non amore, ad una non amicizia, ad una non felicità.

Ci dispereremo, e come Riccardo III urleremo nell’attesa che qualcuno ci dia un cavallo, un cavallo che corra veloce indietro nel tempo.
Nessuno, però, ci vuole più ascoltare, ed è per questo che cominciamo ad urlare, sempre più forte..

Il mio regno.. il mio regno per un cavallo!

martedì 2 agosto 2011

L'avvelenata cantata da me..

Finche Youtube non me la cancella... dedico al mondo intero (oohh il solito esaggerato) questa mia personalissima interpretazione.
Pronti? 

lunedì 1 agosto 2011

Ho provato a convincere mia moglie che, in realta, io sono il suo amante, nella speranza di cambiare un po' il nostro rapporto.
Niente, rompe le palle allo stesso identico modo.

mercoledì 27 luglio 2011

Natura bizzarra

Cervi volanti.
Due maschi lottano violentemente per poter accoppiarsi con la femmina (folli !).
La femmina sta lì a guardare.
Non ci crederete ma.. arriva il terzo maschio, più debole dei primi due che, anzichè lottare, prende la femmina all'improvviso, la seduce e si accoppia mentre gli altri due stanno ancora lottando.
Due fessi, una stronza e un genio.
Roberto Giacobbo è il paladino dell'aria fritta.
Infatti, lui è una frittella.
Credo che l’anarchia sia soprattutto verso le proprie idee.
...
No, che cazzata, un minimo di coerenza ci vuole.
...
La coerenza, però è segno di rigidità e, come scriveva Bruce Lee, l’albero di bambù è troppo rigido quando è pronto per essere abbattuto.
Se Ku Klux Klan fosse nato in Giappone, la sua parola d'ordine sarebbe stata "White Power Rengers".

giovedì 21 luglio 2011

Facebook: lonely people's network

Mi sento un po' in colpa per aver trascurato questo blog, tradendolo con Facebook. 
Questo blog è diventato più importante di quanto immaginassi al momento in cui l'ho aperto; qui ho scritto tutto me stesso, da tre anni a questa parte.
Poesie, monologhi, liberi pensieri.. 
E poi ci siete voi, lettori instancabili, che mi avete fatto compagnia e regalato un po' di tepore con i vostri messaggi, proprio quando ne ho avuto un grandissimo bisogno.

Facebook mi ha ammaliato con la sua falsa promessa di creare contatti umani. In parte così è stato, e sicuramente mi ha aiutato a creare eventi importanti.
Il più delle volte, però, mi rendo conto che si tratta di pura illusione.

Tutti mentono, su Facebook. 

E' un social network ma, al momento di concretizzare le amicizie con incontri reali, in tre dimensioni, tutti spariscono e la cosa non mi stupisce più di tanto.

Io sono sempre me stesso, ed uso Facebook come me stesso, ma molti si travestono da Arlecchino o da Pulcinella, e non sanno più come tornare ad essere persone reali.
C'è molta tristezza e frustrazione sul web, troppa per uno come me che ha sete di sorrisi.
Questo non è un addio a Facebook, ma solo una triste considerazione.

Ho tanti contatti eppure mi sento solo, esattamente come quando mi trovo in mezzo a migliaia di persone in un centro commerciale.

Solo in mezzo a persone sole.

mercoledì 20 luglio 2011

Una donna che, per tenere a bada un uomo, cerca di allontanarlo dicendogli "guarda che sono bisex", commette un grande errore di valutazione.
certa gente ha il senso dell'umorismo di una lavatrice intasata che rovescia sui vestiti nuovi tutto lo sporco di quelli vecchi.

sabato 16 luglio 2011

SPACCO TUTTO !!!

Signore e signori: TATTARATTAAAAAAA''' 
Questo è lo spettacolo (indecoroso) in cui mi sono esibito Mercoledi 13 Luglio, alla pagoda di P.zza Roma, a Cremona.
Ho diviso il video in 10 parti da 10 min. circa ciascuna, ma spero che lo vediate comunque tutto, dall'inizio alla fine, perchè le parti del monologo sono tutte collegate fra loro.

La mia intenzione è di girare per piazze, teatri, cabaret, spazi di ogni sorta, quindi se mi aiuterete a divulgare questo video potrò avere qualche possibilità di trovare agganci giusti.. 

Inutile aggiungere altro, quindi.. BUONA VISIONE!


venerdì 8 luglio 2011

giovedì 7 luglio 2011

Rap dell’animale strano

In casa mia,
vive un animale strano
che si nasconde,
e-quando-esce-mi-stringe-la mano;
lui russa piano, non fa baccano
ma quando urla rompe il cazzo - come un oratore padano

Lui si diverte,
e alle mie spalle ride
ma poi si uccide,
e-se-tornare-all’istante-decide;
fa la sua festa, ti dice basta
quando s’incazza la mia testa - con la motosega divide  

RIT. (x 2)
È l’ animale strano
che si tocca piano
dentro questa testa
non parla-non legge-non scrive, fa soltanto protesta


Lo mando via
ma torna sempre indietro
sempre più tetro
e-allora-provo-a-cacciarlo-col-"vade retro",
mi fa mangiare, mi fa dormire
come un vampiro succhia tutto il mio sangue - litro per litro

In casa mia
vive un animale strano
che dorme spesso,
lui-s’alza-tardi-ma-vuole-occupare-il-mio-cesso;
guarda il casino, che ha messo in giro
gira in mutande e và cantando – come il mio cervello sconnesso

RIT. (x 2)
È l’ animale strano
che si tocca piano
dentro questa testa
non parla-non legge-non scrive, fa soltanto protesta

lunedì 4 luglio 2011

Tutti abbiamo un lato oscuro.
Io, per esempio, entro nei negozi di vestiti, provo tutte le camicie e le magliette, poi le poso stropicciate in un altro reparto.
Mi odio quando comincio a mettere in discussione le mie convinzioni/azioni.
Sta accadendo con lo shiatsu, per cui ho lottato tanto.
E' un processo irreversibilie, come accad(d)e per l'amore: appena hai un minimo dubbio di non essere innamorato, nasce istantaneamnete l'irrimediabile certezza di non esserlo.

sabato 2 luglio 2011

la Bibbia: testo sacro o sceneggiatura di un film horror?


2 Re, 6:28 - 29
Ma pure il re le disse: Che hai? Ed ella disse: Questa donna mi avea detto: Da’ qua il tuo figliuolo, e mangiamolo oggi, e domani mangeremo il mio.. Così abbiamo cotto il mio figliuolo, e l’abbiam mangiato; ma il giorno appresso, quando io le ho detto: Da’ qua il tuo figliuolo, e mangiamolo, ella l’ha nascosto.."

E' abbastanza evidente che la bibbia sia stata scritta da antenati di John Carpenter.