venerdì 24 maggio 2013

Per una grande soluzione, ci vuole una gran testa di caco.

(ANSA, 23 Maggio 2013)

Enrico Letta lascia Bruxelles soddisfatto, dopo aver incassato, nel suo primo Consiglio europeo da premier, il sì del presidente Ue Hermann Van Rompuy alla richiesta italiana di porre al centro dell'appuntamento di giugno le misure per debellare la disoccupazione giovanile … nella Berlino di Angela Merkel verrà organizzato il 3 luglio un vertice di tutti i ministri del lavoro dei 27 per mettere a confronto proposte e interventi per creare posti di lavoro..”.

Ricapitolando, un gruppo di geni a capo degli stati europei si è riunito a Bruxelles per cercare una “soluzione concreta e decisiva per debellare la disoccupazione”, e la super decisione che è stata presa è che, a Giugno, si riuniranno un’altra volta per cercare una “soluzione concreta e decisiva per debellare la disoccupazione”.

Promotore e padre spirituale di questa grande vittoria è Enrico Letta.
Il nostro presidente del consiglio.
Quello che non si sarebbe mai alleato con il PdL.
Ma chi? Quello che ha nominato Angelino Alfano come primo ministro dell’Interno e Vice Premier?

Sì, lui. 

Nel frattempo, spiega Letta, “..faremo la nostra parte anche con iniziative nazionali ... ci metteremo del nostro e solo così con impegno globale si potrà dare questo senso di massa critica, di fatti e non solo parole". 

Ricapitolando, in attesa di incontrarsi con gli altri Premier per discutere del Meteo che impazza, probabilmente il nostro Governo Assòreta (vedi prec. Post) proverà a mettere in atto anche alcune iniziative nazionali per tirarci fuori dalla merda. 
“ANCHE” ? 
Ma che vuol dire “ANCHE”? 
Quali cazzo da altre azioni dovrebbe fare il Governo? Riscrivere le regole del Risiko? 
- No guarda, questa di dare più carri armati se hai tre carte uguali è una cazzata! – 
- ma non ti impuntare su questo, la cosa più importante sarà l’uso di tre dadi al posto di due - 
- io eliminerei la Kamchakta che tanto nessuno sa dove cazzo sta..- 

Il bello è che, ne’ i governi precedenti ne’ quello attuale - per non parlare dei dieci maestri jedi nominati da Napolitano - si sono accorti che in Italia è sparita la cosa più banale che esisteva per sostenere l’occupazione, L’UFFICIO DI COLLOCAMENTO.

È bello pensare ai nostri Ministri uniti in un convento a spremere le meningi per cercare soluzioni sulla disoccupazione.
È come vedere un gruppo di turisti che sono ad un bivio stradale, davanti al quale c’è un cartello con su scritto “a destra vai nel museo più bello del mondo, a sinistra cadi in un burrone e finisci in un fiume dove verrai sbranato vivo dai coccodrilli. 

Eh porca vacca, quale strada prendere?
Mah.

Se fossi uno di quei turisti proporrei una riunione in cui si organizzerà una riunione per realizzare una riunione per stabilire quale strada prendere.
Con un po’ di fortuna, otterrei il benestare dei miei colleghi e, nel frattempo, passerei un mese a guardare Wild per capire come si lotta contro un coccodrillo.

3 commenti:

magneTICo ha detto...

prima però bisognerebbe fare una riunione per capire come fare riunioni...

liberoPensieRoberto ha detto...

Già, non ci avevo pensato.
E chi dirige questa riunione, eh?
Mi sa che ci tocca fare le primarie.

magneTICo ha detto...

per poi metterci un altro...