venerdì 18 settembre 2009

Unicredit, e la mia vittoria di Pirro

-
Beh, chi segue questo blog, sa dell’infinita saga di cui sono protagonista insieme (cioè contro) ad Unicredit, da un anno abbondante.
Dopo mesi e mesi di silenzio da parte loro, e di continue vessazioni per il mancato pagamento di alcune ultime rate del mutuo, finalmente il colosso, secondo azionista di Bankitalia, si fa vivo, e mi propone una mediazione.
-
Ovviamente, non si sono fatti vivi loro, ma...
una società di consulenza che opera per conto di..
una società di recupero crediti che opera per conto di..
Unicredit Family Financing Bank che opera per conto di..
Unicredit.
-
Consiste nello slittare di 10 mesi il pagamento del mutuo, che pagherò alla fine ma senza interessi alcuni, e contestualmente pagare le rate insolute in questi dieci mesi, con una mini rata da € 288,75/mese.
Eh, qualcuno di voi penserà, è un ottimo affare.
Già, peccato che nel propormi questa mediazione, si sono dimenticati un piccolo particolare: chi mi ripaga degli gli interessi passivi del mio conto in rosso che pago da un anno, per non parlare poi del terribile danno morale che ho subito in questi mesi di stenti?
Chi mi ripaga del fatto che ho una caldaia rotta, il tetto rotto, la macchina da revisionare, e non avrò comunque soldi per farlo perché oramai sono troppo sotto?
Chi mi paga la sofferenza dell’aver rinunciato alle vacanze? E di sofferenza si tratta, per uno che ama smisuratamente il mare, e invece passa l’agosto in pianura padana, da solo perchè sono tutti in vacanza…
Risposta: nessuno.
-
Avverrà tutto come se niente fosse accaduto mai.
_
Uno scherzetto di 12 mesi che mi ha tolto salute oltre che soldi, per il quale NESSUNO pagherà.
No, un momento, qualcuno che paga c’è: io, perché le mini rate da 288,75 €/mese comprendono interessi di mora che, se pur bassissimi, sono sempre interessi… sugli interessi delle rate del mutuo…
E considerando la riserva frazionaria al 2%, potrei tranquillamente sostenere che Unicredit mi ha dato dei soldi (mutuo) ma per finta, cioè senza contropartita in oro, però di questi soldi io pagherò ben 128.698,00 € di interessi in totale, e di questi interessi pago altri interessi per la mora e, oltretutto, rimanendo comunque sotto col fido, pagherò gli interessi passivi sugli interessi di mora sugli interessi del mutuo.
L’ho detto, una vittoria di Pirro.
-
La prossima volta che nasco, faccio il banchiere.
Perché?
Vi faccio due conti.
Con € 10.000, se sono una banca, posso concedere un mutuo fino ad € 500.000,00; i restanti 490.000 fantasma ce li mette “il sistema”.
Calcolando un interesse totale medio del 220% (provate a moltiplicare la rata del vostro mutuo per 12 e poi per il numero degli anni…vi spaventerete un attimino), il mio guadagno netto sul mutuo offerto, è di € 600.000,00.
In ogni caso, se qualcuno smette di pagare, gli prendo la casa, quella vera, non quella fantasma.
-
Ve lo spiego un’altra volta.
-
Con 10 mila € in cassaforte ne guadagnano fino a 600 mila. Il rapporto costo/guadagno è di 1 a 60.
-
E se fossi la BCE?
-
Dunque, con una banconota da € 500,00, che a me costerebbe € 0,30 per la tipografia, ci guadagnerei compresi gli interessi che faccio pagare agli Stati, € 507,20, con un rapporto costo/guadagno di 1 a 1690… e mi permetto anche un falso in bilancio impunito e pubblico, perché ogni anno metto sotto il capitolo spese (per i più scettici, consultabile on-line sul sito della BCE), i soldi che ho prestato agli Stati, sapendo di mentire, perchè quello è il valore nominale, mentre al capitolo spese dovrei metterci il valore intrinseco, cioè i famosi 30 centesimi per banconota di cui prima…
-
Ecco perché la prossima volta che nasco farò il banchiere.
-

3 commenti:

Elly ha detto...

Ottimo come ragionamento, ma se dovessi rinascere vorrei essere un uomo ed un prete.

PERCHE' ?????

- perchè lavorano poche ore al giorno e con pochissima, anzi nulla, fatica

- perchè hanno vitto e alloggio GRATIS oltre che allo stipendio e alle offerte dei parrocchiani

- perchè con il fascino della "divisa" possono farsi tutte le donne che vogliono.

Che dici Roberto, meglio banchiere o prete?

liberoPensieRoberto ha detto...

Meglio povero ma fiero.

:)

Raffaele ha detto...

Carissimo Roberto,
hai detto bene MEGLIO POVERO, MA FIERO IN QUESTO MONDO CHE UN REGNANTE NEL MONDO DELLE OMBRE.

Di sicuro su questa tematica esistenziale ci sarebbe tanto da discutere per capire e approdare a quel concetto di VERA LIBERTA' DELL'ESSERTE.

Scusandomi , mi presento al tuo giovane saggio cuore.

Sono Raffaele entronauta del mio stesso cuore, non ho un blog, ma fra i blog navico per quella ricercata affine rata armonica che ci accomuna con tanti cari antichi amici

Una Sentita Buona Serata