giovedì 30 giugno 2011

Canzone per i Ricchi e Poveri.. ex ricchi, molto poveri.

- Buonasera pubblico di RadioRò, questa sera abbiamo con noi un gruppo storico della musica leggera italiana.. solo che, data la crisi economica, sono stati costretti a cambiare il nome del loro gruppo..
Quindi non vi annuncerò i Ricchi e Poveri, ma sono lieto di presentarvi i… Poveriiii eeee i Pezzentiiiii...

(solo due persone del pubblico applaudono)

Entrano i tre, magri, un po’ grigi e con le borse sotto agli occhi.
Angela prende il microfono e, parlando molto lentamente con voce rauca, dice al pubblico – buona sera, vi vogliamo proporre uno dei nostri pezzi più famosi, del quale abbiamo cambiato un po’ le parole per adattarci ai tempi in cui viviamo. Per risparmiare abbiamo dovuto anche tagliare due strofe e due ritornelli. Grazie.
Mentre parte la base, lei si mette a piangere, Franco la abbraccia e inizia a piangere anche lui.
La prima strofa è cantata da Angelo, visto che gli altri due stanno ancora piangendo.
La tonalità è in Re minore.

STR. Se non lavoro,
sarà perché c’è crisi
In frigo ho solo,
un po’ di risi e bisi
E la bolletta
la pago piano piano,
se non lavoro
sarà perché ti amo
....

RIT. e vola vola si sa
(l’interinale che fa?)
e vola  vola per te
(ma se il lavoro non c’è)
e vola vola perchè
come un precario perdente
diventi un pezzente
fuori e dentro di te
....

STR. Se non lavoro,
sarà perché c’è crisi
io mi consolo
non siamo più borghesi
e per mangiare
mi vendo anche una mano
se non lavoro
sarà perché ti amo
....
RIT. e vola vola si sa
(l’interinale che fa?)
e vola  vola per te
(ma se il lavoro non c’è)
e vola vola perchè
come un precario perdente
diventi un pezzente
fuori e dentro di te

Nessun commento: