venerdì 12 novembre 2010

MOMENTO QUIETO

-
Ora passante sul corpo muto
muto e sognante di un uomo che crea,
ora che sfuggi l’andare sel mai
o ti diletti d’un che si bea
      - lasciami andare oppure perire!
       Fammi annegare in un mare alto,
      fa che io resti a penare da solo…
solo ridammi un momento quieto
unico e ansante ricordo di lei;
fa che non sembri morto e riavuto.
              Fa del momento un intenso mare.

Oh, onda sfuggente di eterno che sei
ferma!
Non ti smussare con questo sale…
O credo sia meglio dimenticare,
essere ancora in fervide onde.
                Che l’ora passante invecchi anche me.

D’IZZIA ROBERTO (lunedi 07/09/1998, ore 1.59)

Nessun commento: