sabato 17 ottobre 2009

Ore 3.13

-
Solo, soltanto, solamente.
Se, seppi,
cosa c'è da sapere?
Inutile farfugliare, dici tu,
inutile è praticamente tutto, per questo lo facciamo, dico io.
Ma guarda guarda,
perchè si dice guarda due volte?
Forse perchè sappiamo che la prima volta non guardiamo mai davvero?
Senti, non ho tempo da perdere.
Beato te, io non ho neanche tempo da trovare.
-Va bene, guardami e dimmi cosa vedi.-
-Io vedo.. io vedo.. un disperato tentativo di sentirsi reale.-
-ma io sono reale!-
-ecco, appunto-.
-
Ho letto di un cantante che è morto col suo stesso vomito.
Magari ha girato il mondo, ha provato mille droghe,
è stato con donne e con uomini,
ha cantato in concerti strapieni di gente che lo amava...ed è morto col suo stesso vomito.
E poi vengono a dirmi che tutto questo ha un senso.
-
La sabbia delle dune cammina,
invece - non so se lo sapete - vivere in pianura padana
vuol dire che da quando sono nato vedo esattamente lo stesso orizzonte.
Gli orizzonti sono dentro di me, si va bene,
ma una duna ogni tanto non farebbe male.
Anche piccola.
Una dunina.
Così, che mi muove un pochino ogni tanto, per darmi il senso di vivere in un mondo animato.
-
Spiegalo al carabiniere zelante, che in questo schifo di terra almeno uno si toglie la soddisfazione di bere una birra il sabato sera, e se ieri non era fuori norma ed oggi sì, è solo per una convenzione, ma la birra è la stessa.
Certo, lui fa il suo mestiere.
Fanno tutti il loro mestiere.
Anche la pantegana fa il suo mestiere, anche la tapparella fa il suo mestiere. E che dire della cipolla eh? E vogliamo dimenticare di come fa bene il suo mestiere un preservativo?
Tutti hanno un ruolo in questa biosfera che chiamiamo Terra.
Il pianeta Terra, azz che fantasia. Potevano chiamarlo, non so, il pianeta Bios, oppure il pianeta Armenagildum. Ma Terra è un nome così banale. Se potessi gli cambierei nome: il pianeta Mestolo. E' un nome stupido, ma almeno fa sorridere.
-
Aiutooo!
Che è successo lassù? Diteci qualcosa...
Stiamo atterrando sul pianeta Mestolo!
-
Donne e/o uomini si chiedono come si può raggiungere il piacere facendo a meno gli uni degli altri; non trovano risposte, infatti si sposano da secoli, o vivono insieme.
Per dispetto, secondo me.
Quando lei non riesce a raggiungere l'orgasmo clitorideo, per dispetto lo guarda e gli dice "caro ti amo, mi sposi?", e lui si sente messo alle strette, lì per lì vorrebbe rispondere "se ti sposo posso fare sesso con tua sorella?", ma poi gli esce un mugugno che assomiglia ad un sì.
Lui si masturberà tutte le volte che pensa alla cognata.
Lei troverà chi le procura il famoso orgasmo clitorideo, tanto suo marito non ha mai capito la differenza.
-
Coppie, amori, automobili, l'aria condizionata, il corso di salsa e merengue, angurie fresche,
coocco bbello cocccooooòò
alè coccoooò
-
Vorrei svegliarmi di colpo e rendermi conto che è un sogno.
O forse sono dentro al sogno di qualcuno, ma lui sogna che io sia consapevole, quindi io credo di essere vero e invece sono un sogno.
.
Non so, io continuo a strafogarmi di schifezze e a toccarmi tutti i giorni, non si sa mai: se un domani scoprirò che è tutto finto, almeno mi sono tolto la soddisfazione.

3 commenti:

Maraptica ha detto...

Il finale è sublime... e in pieno condivisibile! :*

giò ha detto...

...cosa hai fumato??
;)

Raffaele ha detto...

Roberto,
mi ha colpito molto questa bella tua frase:
Vorrei svegliarmi di colpo e rendermi conto che è un sogno.
O forse sono dentro al sogno di qualcuno, ma lui sogna che io sia consapevole, quindi io credo di essere vero e invece sono un sogno.


C’è tanto di vero in quello che dici.