martedì 28 aprile 2009

...per la mia rabbia enorme mi servono giganti !

-
Oggi ho dato ufficialmente inizio ad una battaglia molto, molto dura e, per il titolo di questo post, non ho scelto un verso a caso del Cirano di Guccini.
Non posso spiegare e dire altro, per ora, ma chi mi conosce e chi di voi mi legge, sa bene chi è il gigante al quale mi sto opponendo.
Basta, sono stanco ed è ora di combattere.
Non ho più niente da perdere se non la mia dignità, ma nessuno strapperà la dignità di quest'uomo, nessuno.
-
Ho scelto la strada più ripida per vivere, lo so, stavo bene in coppia, al caldo di una famiglia estranea che mi aveva accolto come un figlio, e dentro le mura di una probabile mia famiglia, ma non ero me stesso, e la dignità mi ha spinto a preferire l'incredibile salita che oggi vivo.
-
Beh, non ne sono pentito, anche se mi sento molto solo a volte, ma ho scelto la linea dura.
-
Chinare la testa non fa per me, l'ho capito; ho superato la sottile linea rossa, ora non posso più tornare indietro, per quanto ci abbia provato.
-
Quanti mi hanno detto: se ti candidi con questo o quello.. cavolo hai un sacco di possibilità di diventare consigliere...
Verissimo, forse, ma dovrei mantenere una posizione che non mi si addice: supino davanti al successo.
-
Invece no. Testa alta.
Contro un colosso della finanza, contro i grandi della politica.
Io ho provato con tutto me stesso a tenere a bada questo Roberto ribelle, ma non ce la faccio, la mia anima urla a squarciagola quando viene imprigionata.
Lo so, lo so, tutto questo peggiora la mia posizione, dovrei ragionare con più malizia, con più furbizia direbbero alcuni, per evitare di rimetterci troppo di tasca mia.
Beh, chissenefrega di cosa ci rimetto in termini pratici e materiali: il mio spirito, almeno, resterà intatto.
-
- Allora, Capitano, che cosa facciamo? Ha visto le mappe? Qua è pieno di pericoli! -
- E me lo chiedete anche, branco di sfaticati che non siete altro?! -
- Mah, Capitano.. -
- TIRATE IMMEDIATAMENTE A BORDO QUELLA DANNATA ANCORA, E MANDATE SUBITO L'ORDINE AI MOTORI: AVANTI TUTTA !

Nessun commento: