martedì 14 aprile 2009

Reagire alla banca

Bisogna reagire alle vessazioni delle banche.
Ecco la mail che ho spedito venerdi 10/04, ovvero quattro giorni fa.
-
"Buongiorno s.ra XXX,
ho appena ricevuto l'ennesima telefonata di Unicredit da numero nascosto che mi avvisa del mancato pagamento di una piccola parte dell'ultima rata.
Da oggi in poi la mia pazienza è terminata.
Vi ho chiesto con una raccomandata di spostarmi la rata di soli 13 giorni, non ho ricevuto alcuna risposta, in più mi avete PRONTAMENTE ritirato 120 € di interessi passivi, ed ora mi chiamate ANCORA per chiedermi il saldo della rata del mutuo, che non è disponibile proprio per colpa dei vostri interessi passivi.
Vi state comportando pessimamente.
Nella precedente mail vi pregavo almeno di non farmi più chiamare, scrivendo "Non ce la faccio più a sopportare questa situazione, e la mia epilessia si sta aggravando di giorno in giorno per l'incredibile pressione psicologica che subisco. Vi prego di fare qualcosa.".
Ora non vi "prego" più, ma vi chiedo una risposta scritta e non telefonica alla presente entro 10 giorni dalla presente, dopodichè ricorrerò alle vie legali.
Ripeto: esigo una risposta scritta sia alla mia richiesta già spedita di spostare il mutuo di soli 13 giorni, sia alla mia richiesta di NON farmi più chiamare, perchè tanto avete l'addebito sul conto ed è assurda questa pressione psicologica che fate.
Avete fatto di un cliente tranquillo e perbene quale era il sottoscritto, un cliente totalmente scontento, esasperato e pronto a denunciarvi.
Ne valeva la pena?
Roberto D'Izzia"

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Va alla tua mail

Star ha detto...

Domandina : Ti ha risp alla mail o ancora tutto tace?