venerdì 17 aprile 2009

Rò for President (versione pugliese: rò hai près lu dènt?)

Pochi ma buoni.
No, non parlo dei cappelletti al brodo che ho mangiato ieri, in circa 20 secondi, mentre contemporaneamente stiravo la camicia e preparavo il programma della serata..
Parlo degli ospiti dell'incontro.
Sono soddisfatto perchè, come ho sempre sostenuto, anche se il mio messaggio arrivasse ad una sola persona, per me sarebbe già una vittoria.
Ieri ho interagito con i miei ospiti, ed è stato bello anche il momento in cui, quasi all'unanimità, mi hanno fatto delle critiche costruttive sulla mia campagna elettorale.
Il messaggio che tutti mi hanno mandato è "cavolo, rò, sei forte, ma l'idea della lista civica indipendente è un suicidio politico, e purtroppo non te la caverai..".
Hanno ragione, ma dovevo scegliere: entrare in una lista già fatta e sperare di far passare le mie proposte, oppure dare un VERO e coerente segnale di rinnovamento, a partire dalla formazione della lista, rigorosamente indipendente.
Avevo promesso di non parlare della mia avventura qui, per dividere la sfera personale dalla politica, infatti vi sto parlando dell'aspetto emozionale.
Ieri, un mio nuovo amico mi ha detto "Rò, ti ammiro per quello che stai facendo, per il coraggio con cui parli di certi temi anche se sai di avere poche possibilità di vincere, e per il metodo imparziale che hai nell'esporre i problemi..".
beh, ragazzi, anche adesso mi commuovo, perchè ho avuto la prova che chi mi ascolta si rende conto di quanta passione e serietà ci stia mettendo..
..e non so quanti politici attuali vantino l'onore di sentirsi dire una cosa del genere !
-
Grazie R., mi hai dato una gran voglia di arrivare fino in fondo!

Nessun commento: