lunedì 27 luglio 2009

Due modi di essere

Questo post è a-personale (si può dire a-personale?).
.
Punti di vista
Persona A: io sono diverso da te, secondo me le cose stanno così..”;
persona B: “devi fare così, si fa cosà, la cosa giusta è…”

Discussioni
Persona A: “forse non mi sono spiegato.. guarda che nei miei confronti ti comporti sempre così… guarda che con me hai fatto questo errore…”;
Persona B: “..come al solito non capisci niente, non capisci mai quello che dico, ti comporti male, non sei maturo.. sei scemo… sei .. sei.. sei..”

Chi chiama chi
Persona A: “uè che fine hai fatto? ..tutto bene? ..scusa se non t’ho chiamato ultimamente, ero incasinato…”
Persona B: “beh potevi farti sentire no?... se non mi chiami tu, perché dovrei chiamarti io?”

Retorica
Persona A: “..aspetta lascia che ti spieghi… cosa vuoi dire con quella frase?... chiariamo questa cosa… mi spiace ma non sono d’accordo su quest’altra cosa…”
Persona B: “..ho capito che tipo sei, lascia perdere, ciao.. no no no no, non ho niente da aggiungere.”


Vivi e lascia vivere
Persona A: “..e vabbè, tu sei fatto così, non ci posso fare nulla.. ognuno è libero di essere quello che è… siamo diversi io e te, ma non c’è il giusto e lo sbagliato… io penso di aver ragione, ma sicuramente ho sbagliato anch’io a capire…”
Persona B: “devi cambiare atteggiamento se vuoi stare con me.. devi essere diverso se vuoi relazionarti con gli altri… devi smettere di essere così… devi dire cose diverse…”

Conclusioni
La domanda è: la persona A e la persona B andranno mai d’accordo?
La persona A e la persona B avranno la stessa possibilità di confrontarsi col prossimo ?
Chi è più furbo dei due?
Chi più illuso?
Chi avrà più possibilità di crescita?

5 commenti:

Elly ha detto...

CONCLUSIONE:
la mia risposta è semplice e concisa. Ne la persona A e ne la persona B hanno ragione o torto.
Il mondo è popolato da varietà di esseri umani, ci sarebbero anche le persone C, D, E, F e così via.
Non esistono furbi, illusi, scemi, scettici ecc... siamo solo delle persone, degli esseri umani imperfetti, pieni di debolezze.
Tu cosa vuoi essere?

liberoPensieRoberto ha detto...

imperfetto e pieno di debolezze.

Maraptica ha detto...

Ognuno è ciò che è. Io penso sinceramente che rapportarsi con gli altri sia anche un dovere, non solo un piacere. Insomma, bisogna quantomento provarci.Poi, ovvio, uno può decidere di vivere in perfetta, pacifica, solitudine. Ma per quanto?

Paola ha detto...

La persona B è perfetta per alimentare i complessi di inferiorità delle altre categorie...Potrebbe anche essere una suocera..!!:)) Ciao!

liberoPensieRoberto ha detto...

x maraptica
già, per quanto?

x paola
sai che hai sintetizzato il mio pensiero? cioè la persona B non lo fa apposta, ma alimenta proprio quei complessi di cui parli.
Ed è quasi certamente una suocera :D