giovedì 29 gennaio 2009

Manuela Arcuri: bella e sexy come un tombino di ghisa. E intelligente come un.. come un... come un..

Dichiarazione di Manuela Arcuri: “Ora che mi hanno proclamata bellezza di livello mondiale, voglio essere brutta e disperata. Una protagonista assoluta, che piange, partorisce, si tormenta. È passato il periodo in cui sono apparsa solo come bella donna. Dimostriamo altro

Lei vuole diventare brutta.

I chirurghi a cui si è rivolta per " l’imbruttimento " hanno rifiutato l’incarico, uno di loro ha esclamato “perché rovinare ciò che madre natura ha già realizzato ad arte?”.
La notizia peggiore è che adesso vuole recitare una parte drammatica.
Già il tono con cui una schifezza di attrice così esige una parte di spicco in un film drammatico mi fa venire i nervi, se solo penso alle centinaia di attrici che magari sono senza lavoro perché portano la prima o la seconda di reggiseno.
-
Io avrei una parte da far fare alla Arcuri.
Ho sognato la scena: lei "attrice" in attesa di indicazioni, io arrivo sul set e mi siedo sulla sedia del regista.
-
- Ascolta Manu, devi sdraiarti su quella pozza di fango, leggere la lettera del tuo ragazzo e nel frattempo rotolarti avanti e indietro
- come, così? – (si rotola nel fango)
- ecco brava, ora per favore mettiti a quattro zampe e fai la scimmia che gioca col fango
- ma che c’entra con la scena?
- è perché la lettera che leggi ti sta facendo impazzire
(lei, con la faccia da ebete, si convince) – ahhh hoccapito, alora me metto a fà 'a scimmia.. uhuhuh uhuhuh ahahah hahaha – (sul set tutti ridono)
- bravissima Manu, ora mangia quel sacchetto della spazzatura che c’è lì..
- macchè, davero davero me devo magnià ‘a spazzatura?
(io mi arrabbio) - oohh insomma! vuoi fare 'sta parte drammatica, sì o no?
- sì sì, vojo doventà 'a nuova sofia rolex
- sofia loren!
- Ah ggià, sofia loren.. nun je lo dite che ho sbajato er nome sinnò quella m'ammazza ahahah
- sù forza Manu, non ti distrarre, continua quello che stavi facendo, sappi che la scena è una sequenza unica e dura un'ora... -
-
Lei continua, per un'ora intera, a mangiare la spazzatura, immersa nel fango, imitando una scimmia, mentre io esco dal set con un ghigno malefico e me ne vado, perché in realtà non sono il regista.

17 commenti:

Kat ha detto...

hi, hi, hi........

liberoPensieRoberto ha detto...

...ghghghghgh...

alice ha detto...

guarda che le tette se le è rifatte da basoccu che opera a grottoaferrata... io la conosco... di vista per fortuna!

Anonimo ha detto...

Vorresti far ridere,o sei un po'frustrato?Io trovo solo che questa specie di post sia una cavolata assurda,molto sgradevole,e molto idiota.Io che l'ho vista di persona posso dire che è bellissima,veramente bellissima,ed educata(lei).X''alice'':non è rifatta,in nulla,tanto più il seno,che è visibilmente il suo,mettiti l'anima in pace.

liberoPensieRoberto ha detto...

Anonimo, grazie per il tuo commento.
Peccato il tuo tono, perchè il post è sotto la voce "satira" e "leggerezza".
Se tutta la satira del mondo verrà bollata "molto idiota", sarò contento d'essere il più idiota di tutti.

Anonimo ha detto...

Sì certo,il post è sotto la voce ''satira'' e ''leggerezza'',ma non vedo nessun intento ''leggero'' e ''divertente''.Visto che si discute di ''toni'',io ho trovato appunto il tono solo sgradevole,con un accanimento francamente insensato,perchè stai pur certo che non toglie il pane a nessuno,non ci vedo nulla di male in una ragazza che si impegna per migliorare,anche con umiltà mi sembra,i risultati poi non tocca certo a te stabilirli,tantomeno velando il tutto con improbabili ''intenti satirici''.Questa non è ''satira'',mi dispiace,se poi tu sei convinto che questa lo sia,convinciti pure di ciò,si vede che avrai una grande considerazione della tua capacità di scrittura,e soprattutto dei contenuti,si può anche essere divertenti su argomenti ''leggeri''(perchè non si discute dei massimi sistemi),senza mancare di buon gusto.Perchè di quello si tratta,non ci vuole molto per accorgersene...

liberoPensieRoberto ha detto...

Toglie il pane a ragazze che hanno studiato anni di recitazione.

La sua condizione di personaggio pubblico la espone alla critica ed alla satira, che bisogno c'è di difenderla?

In ultima analisi, cos'è la satira?

p.s.: Rispetto appieno il suo personale giudizio sull'efficacia delle mie battute, ovviamente.

Anonimo ha detto...

Certo che non c'è il bisogno di difendere nessuno,la mia è una riflessione,io continuo a dire che non spetta a nessuno sindacare sui risultati del lavoro altrui,così come credo sinceramente(senza quella fastidiosa retorica spicciola e qualunquista),che nel mondo dello spettacolo non tolga il pane a nessuno,c'è posto per tutti,ci sono contesti e contesti,l'attore che studia anni in teatro e fa teatro(perchè quella è la professionalità vera non l'anno in una pseudo accademia,per dire che si hanno anni di studio alle spalle)può non essere adatto a un prodotto televisivo,o più comprensibilmente non interessato,d'altronde non è certo la prima(e ci sono anche tante grandi attrici del passato che hanno effettivamente dimostrato dopo un valore in più,imparando sul 'campo')ad aver puntato in primis sull'aspetto estetico(venendo magari da un contesto più televisivo o dalla moda),io apprezzo comunque l'impegno nel dimostrare altro,lei almeno lo fa,altre no.La mia riflessione era appunto non su di lei(ognuno è libero di pensare quel che vuole alla fine,non mi importa di certo),ma sui ''modi''usati,è un personaggio pubblico,ma non significa che debba essere insultata,con il pretesto di fare ''satira'',che per me con tutto il rispetto è altro,non certo sognare con ghigno malefico di umiliare le persone,perchè quello era il contenuto.Penso di essere stata chara,ho trovato solo molto sgradevole e per nulla ''satirico'',ma neanche ''ironico'',il tono come il contenuto.C'è modo e modo di ''criticare''(termine che in questo caso è più adatto di ''fare satira'') un personaggio pubblico,e di essere pungenti,non così.

liberoPensieRoberto ha detto...

E' d'uso comune l'incredibile pretesa di distinguere fra satira buona e satira cattiva.
Sono anche convinto che si confonda la satira con lo sfottò o la comicità fine a se stessa.
La satira ha motivazioni dietro più profonde; tanto più è pungente e severa, tanto più mette in risalto una problematica su cui riflettere.
Per intenderci: non è satira quella di Pippo Franco che con i suoi colleghi fa lo sfottò dei politici, mentre è satira quella di Antonio Albanese che impersona il "ministro della paura" e dice cose pesantissime, solo apparentemente nonsense o comiche.

liberoPensieRoberto ha detto...

Aggiungo: in una raccolta intitolata "bastardo dentro", che può trovare in questo blog, faccio una battuta cattiva sugli epilettici e.. io stesso soffro di epilessia.

Anonimo ha detto...

Concordo perfettamente sulla non satira alla Pippo Franco(che non è satira buona,non è satira e basta,perchè per me la distinzione tra buona e cattiva non esiste,la satira se fatta bene è una sola,quella è piuttosto una comicità innofensiva e greve),o su quella che anch'io considero satira,come appunto quella di Albanese,ma satira è anche quella che fa Crozza,la Littizzetto,tanto per citare alcuni nomi.Ma non è questo il caso,se facendo questi paragoni ci limitiamo allo stile,perchè i contenuti non ci sono chiaramente.La satira della Littizzetto,che tocca anche argomenti leggeri come può essere una pubblicità,dice cose vere ma con una leggerezza,e un'ironia unica,non risulta mai offensiva,ma anche Albanese che può risultare nonsense,copre con quest'apparente mancanza di senso la resa effettiva di problematiche vere e serie.A prescindere dall'argomento,questo non è proprio il tuo caso,ripeto che per me non c'era nessun ''tocco'' pungente,e non ho l'incredibile pretesa di distinguere tra satira buona e cattiva,non ne vedo proprio l'esistenza,c'è solo una serie di insulti che non ha nessuna ''motivazione profonda'',e il senso era chiaro,non celato di certo,io l'ho definito solo cattivo gusto.Poi ribadisco che tu sei ovviamente libero di scrivere quello che vuoi nel tuo blog,di pensare di essere stato ''pungente'' e ''severo''(ammesso che tu ti debba sentire in diritto di esserlo),tutti si possono sentire raffinati esperti nell'esercizio di satira o ironia,la percezione,in questo caso di chi legge,può essere però diversa,io ho espresso un mio parere,tutto qua.

liberoPensieRoberto ha detto...

L'elemento di riflessione serio c'è, eccome.
La citazione all'inizio del post, infatti, è assolutamente reale ed è sconvolgente.
Si ritiene bellissima, lo dice spesso, si permette di dare dei voti ai suoi amanti in una trasmissione; una volta l'ho perfino sentita dire che è orgogliosa di essere paragonata a Sofia Loren.
Nel momento in cui, poi, dice "È passato il periodo in cui sono apparsa solo come bella donna. Dimostriamo altro", (cioè: ora che ho fatto calendari, pubblicità, apparizioni, filmetti da quattro soldi e sono diventata ricca posso cominciare a studiare e fare film seri) sdogana un metodo di successo non basato sulla bravura ma, appunto, sulla bellezza.
Come donna non ti senti intellettualmente offesa?

Star ha detto...

AH AH AH Rò ma quante spasimanti!

Sei pieno d "scimmiette" che sbraitano ovunque!

W l'Arcuri e la sua bravissima carriera d'attrice :)!!!!!

Anonimo ha detto...

Al commento di ''star''non rispondo perchè non ne vale la pena(un po' di studio di grammatica gli servirebbe comunque,se non scherzava),per il resto ti dico solo che non ho apprezzato il ''tono'',da donna appunto mi ha infastidito vedere non ironia,ma piuttosto disprezzo verso un'altra persona,celando il tutto con intenti satirici e di 'denuncia'.Visto che mi parli di spunti di riflessione,con citazioni che dovrebbero essere reali e sconvolgenti,tralasciando lo ''stile'',non trovo semplicemente corretto giudicare gli altri sulla base di convinzioni,permettimi di dirti,alquanto qualunquiste,maturate(diciamo così se vogliamo dare importanza alla cosa)anche a partire da dichiarazioni sui giornali,che vanno sempre prese con le pinze,o trasmissioni con un tono chiaramente scherzoso,ma vale per lei e vale per tutti.Non ho mai sostenuto certo che è la Magnani del duemila,nè spasimo per il suo lavoro d'attrice,ma il discorso che fai sulla bellezzza regge fino a un certo punto,è chiaro che sia stata scelta per le prime comparse,pubblicità o sfilate di moda per quel motivo(non credo sia richiesto altro),ma vale per lei come per una Bellucci(che non considero grande attrice,intendiamoci)o la Loren stessa(che comunque dopo ha ampiamente dimostrato il suo valore),lanciata da un concorso di bellezza.Così come non credo che lei si senta ''bellissima'',sono forse gli altri che la considerano tale(anche se avendola incrociata in aeroporto posso dire che bella lo è davvero anche senza photoshop),detto ciò non vedo il motivo per cui dovrei sentirmi intellettualmente offesa(a prescindere dal fatto che studio e mi occupo d'altro e conosco il valore del sacrificio e dell'impegno per ottenere dei risultati),da una persona che dice di volersi impegnare per far passare in secondo piano l'aspetto fisico,non nel senso che è ricca e ha guadagnato sulla sua immagine,ora studia,ma nel senso che l'immagine di ''bellona''(immagine pure un po' ingombrante)l'ha aiutata(in un percorso misto tra televisione,moda,pubblicità,dove l'immagine conta,senza ipocrisie ed è predominante sul resto),ma è comunque necessario continuare ad impegnarsi per far emergere altro ed essere un minimo all'altezza per mantenere giustificatamente il successo.Ma questo ''impegno''magari non è una novità,visto che anche a teatro con Proietti anni fa,da quello che ho letto sui quotidiani seguendo abbastanza la critica di cinema e teatro,proprio pietosa non è stata e ha almeno la volontà di migliorare e l'umiltà di mettersi in gioco.Poi scusami,ma questo paragone con la Loren,che non credo si sia fatto da sola,è su un certo modello estetico,e mi sembra normale che una dica di essere orgogliosa,non ci vedo nulla di presuntuoso francamente.Per chiudere la 'querelle',ti ripeto che ognuno è libero di pensare ciò che vuole,avere la propria opinione su chiunque(questa è la mia e l'ho esposta,non pretendo che sia anche la tua,nè mi interessa che lo sia),io non sono abituata a vedere le cose senza sfumature,qualsiasi importanza abbiano,e non concepisco un certo modo di esprimersi,e infatti nel tuo post più che la tua riflessione satirica,mi ha colpito la resa sgradevole e di cattivo gusto che hai dato di un'altra persona,non vedendo un solo motivo sufficiente per giustificare quei modi.

Anonimo ha detto...

che lo sia),io non sono abituata a vedere le cose senza sfumature,qualsiasi importanza abbiano,e non concepisco un certo modo di esprimersi,e infatti nel tuo post più che la tua riflessione satirica,mi ha colpito la resa sgradevole e di cattivo gusto che hai dato di un'altra persona,non vedendo un solo motivo sufficiente per giustificare quei modi.

Star ha detto...

A me piace l'idea e la concezzione della "libertà di parola e pensiero"!!! La libertà di poter scrivere (anche senza badare alla grammatica) tutto quello che mi pare. Scrivere quello che uno pensa fa bene, aiuta a sfogarsi, libera la creatività! Che poi ad alcune persone può piacere oppure no, è tutto un'altro discorso. L'importante è nn farne un comizio, meglio sprecare altre parole su altri discorsi.
E W LA VITA!

Anonimo ha detto...

Star sono d'accordo anch'io sulla libertà di pensiero e di parola,il tuo commento mi è sembrato però irrispettoso nei miei confronti,mi è sembrato eh!Ho risposto semplicemente perchè mi è parso di dicutere con persone ragionevoli,altrimenti non mi sarei presa la briga di farlo,l'argomento non occupa certo i miei pensieri,stai pur certo/a,anche se io ho posto l'accento non sul parere che si può avere di una persona perchè non mi interessa francamente,ma sul modo di esprimersi,non sempre la creatività giustifica tutto.Il mio ''comizio''è dovuto al fatto che sono prolissa proprio come modo di esprimermi,non per altro.Stai sereno/a anche tu.